Accedi

La guida definitiva al digital marketing per le piccole imprese

Digital marketing
Argomenti
Il tuo piano di digital marketing per piccole imprese: gettare le basi giuste
Valuta la concorrenza
Strategie di marketing per PMI su cui concentrare i tuoi sforzi
La storia e i messaggi del tuo brand
Stabilisci i tuoi obiettivi di digital marketing
Canali di marketing che funzionano per le piccole imprese
Monitorare le tue attività di digital marketing
Conclusioni

Nel mondo digitale di oggi, competitivo e in continua evoluzione, è necessario sapere quali canali di marketing riescono effettivamente a convertire gli spettatori in clienti.

Il digital marketing (o marketing digitale) per le piccole imprese viene gestito in genere da un team di piccole dimensioni, spesso con la presenza dei proprietari stessi. La taglia ridotta dell’azienda rende ancora possibile promuoverla in modo efficace, con molte meno risorse rispetto ai grandi attori.

In questo articolo imparerai diverse strategie pratiche di digital marketing per le piccole imprese e scoprirai come attirare la tua base di clienti ideali attraverso la pubblicità online.


Il tuo piano di digital marketing per piccole imprese: gettare le basi giuste

Un piano di digital marketing per piccole imprese ben strutturato è fondamentale per attirare i clienti giusti nei momenti opportuni del customer journey. Inoltre, restringe il tuo focus ai canali digitali che funzionano davvero, in modo da non sprecare tempo e risorse preziose in strategie che non danno i risultati sperati.

Ecco tre passaggi per creare il tuo piano di digital marketing per piccole imprese.

Passaggio 1: identifica il tuo pubblico target e le sue esigenze

Comprendere i tuoi clienti attraverso le ricerche di mercato è il punto di partenza di qualsiasi percorso di digital marketing per piccole imprese. I tuoi clienti hanno preoccupazioni specifiche e il tuo prodotto o servizio può aiutarli a svolgere un compito particolare.

Ad esempio, un'impresa edile può essere specializzata nella costruzione di case a scopo residenziale, ma non conquisterà gli acquirenti limitandosi a dichiarare che le sta costruendo. Le ricerche di mercato potrebbero rivelare che la qualità e la gestione efficiente dei progetti sono le preoccupazioni principali dei loro clienti. Queste preoccupazioni dovrebbero essere integrate nel messaggio del brand e nella proposta di valore dell'azienda, così da attrarre il cliente e superare immediatamente le obiezioni.

La ricerca sul pubblico non dev’essere necessariamente un’operazione costosa. Può essere condotta tramite sondaggi presso i consumatori, focus group, interviste agli acquirenti o qualsiasi tipo di interazione già intercorrente con i tuoi clienti.

Utilizza la tua ricerca per ottenere le risposte alle seguenti domande riguardanti il tuo mercato:

  • Qual è la tipica ripartizione demografica dei tuoi clienti? Considera le loro età, posizioni e interessi.

  • Quali sono i siti principali che visitano più di frequente?

  • Quali social media (se presenti) utilizzano e con quali tipi di contenuti interagiscono maggiormente sulle piattaforme?

  • Quali problemi stanno cercando di risolvere? (Potrebbero essere sia correlati che non correlati al tuo prodotto)

  • Svolgono ricerche accurate o acquistano d'impulso? Quali sono i fattori che influenzano le loro decisioni di acquisto?

  • Se hanno bisogno di contattare un'azienda, qual è il loro canale di contatto preferito (ad esempio telefono, chat o email)?

Raggruppa i tuoi clienti in segmenti comportamentali per scoprire in che modo il tuo prodotto o servizio può aiutare ciascun gruppo nello specifico. Tornando al nostro esempio dell’azienda edile di cui sopra, questa potrebbe proporsi a due gruppi distinti: promotori immobiliari e residenti interessati ad ampliare la loro casa attuale.

Mappa il tuo funnel di marketing e il percorso del cliente

Un funnel (o imbuto) di marketing è una rappresentazione visiva delle diverse fasi del customer journey o percorso del cliente. In genere, si compone di tre fasi principali:

  • Top of the funnel (TOFU): consapevolezza e scoperta

  • Middle of the funnel (MOFU): ricerca di soluzioni (detta anche “Considerazione”)

  • Bottom of the funnel (BOFU): assunzione di una decisione di acquisto consapevole (detta anche “Conversione” o “Decisione”)

Alcuni funnel possono includere anche passaggi come "Fidelizzazione" e "Supporto" per tenere conto del servizio clienti post-vendita.

Nell’ambito del digital marketing per piccole imprese è probabile che il proprietario dell'azienda, o un membro del team, possa gestire da solo l'intero customer journey. Per questo motivo vale la pena essere consapevoli di ogni fase e di quali azioni conducono a quella successiva.

Nel funnel, il pubblico si restringe in ogni fase del percorso, e molti lead abbandonano in modo del tutto naturale, mentre solo i lead di migliore qualità arrivano alla fine. Il tuo compito come professionista del digital marketing per PMI è ridurre al minimo gli abbandoni e aiutare i potenziali acquirenti a raggiungere il fondo dell’imbuto, con il minor attrito possibile.

A causa dell’elevata concorrenza ormai presente in ogni mercato, inclusa l’Italia, pochissimi customer journey sono lineari. I tuoi acquirenti potrebbero avere diverse alternative da sondare o più ostacoli interni da superare prima di prendere una decisione finale.

Mappare i percorsi dei clienti nel funnel di marketing aiuta a definire la strategia di digital marketing (così come di marketing tradizionale) della tua piccola impresa. Capirai meglio a che punto del processo decisionale si trovano i potenziali clienti e imparerai come perfezionare il tuo approccio per guidarli verso una conversione.

Osserva ogni potenziale punto di partenza del percorso del tuo cliente. L'analisi dei dati del sito può mostrarti da dove proviene il traffico, mentre i sondaggi sui clienti o i test sugli utenti riveleranno approfondimenti sul comportamento delle persone che hanno finito per effettuare un acquisto.

Non tutti i clienti inizieranno il loro viaggio sul tuo sito web. Alcuni potrebbero essere passati attraverso più punti di contatto prima di arrivarci (ad esempio il passaparola o la ricerca di recensioni online).

Ripercorri il processo di acquisto e i principali punti decisionali dalla prospettiva del tuo cliente. Considera che cosa sta facendo il tuo pubblico in ogni fase, e le sue intenzioni.

Se hai bisogno di una guida in questo processo, ecco un modello di mappa del customer journey (in inglese).

Customer Journey Map Template


I tuoi clienti potrebbero non seguire sempre la via più diretta per l'acquisto e il percorso potrebbe essere diverso a seconda delle varie tipologie di clienti. Completa una mappa del customer journey per ogni tipo di cliente che speri di attirare, in modo da comprendere la prospettiva particolare di ogni tipologia.

Valuta la concorrenza

Una valutazione formale della concorrenza chiarirà con esattezza il modo in cui gli altri marchi commercializzano i loro prodotti. Identifica i punti deboli nella loro strategia di marketing digitale e considera i miglioramenti al tuo approccio.

Eseguire una valutazione ti aiuterà a tenere traccia di come l'offerta della concorrenza si evolve nel tempo (ad esempio quando vengono aggiunti nuovi prodotti o aumentano i prezzi). Puoi riutilizzare lo stesso formato e fare riferimento a questo documento se decidi di ripetere l'esercizio in futuro.

Prendi nota della presenza online dei tuoi concorrenti e rispondi alle seguenti domande per ciascun brand:

  • Sito web: il loro sito web è esteticamente gradevole e funzionale? Fornisce una buona esperienza utente?

  • Social media marketing: quali canali di social media stanno ottimizzando i tuoi competitor? Li usano anche per rispondere ai clienti? Controlla le recensioni e i feedback dei clienti.

  • Visibilità del brand: dove si attestano i tuoi concorrenti per ciò che concerne i risultati dei motori di ricerca? La loro posizione è cambiata nel tempo?

  • Strategia di digital marketing: stanno lavorando con altri brand o influencer? Dove fanno pubblicità? È importante sapere se sarai in grado di superare le offerte dei grandi operatori quando pubblicizzi la tua piccola impresa.

Esplora ogni fase del percorso del cliente sul sito web del tuo concorrente, prestando attenzione a dettagli come il tono di voce utilizzato o a quanto sia facile eseguire un'attività. Ad esempio, potresti testare il processo di iscrizione alla newsletter via email o fingere di acquistare un prodotto.

Questo esercizio ti consente di metterti nei panni di un potenziale cliente ricevendo allo stesso tempo un’utile ispirazione su ciò che attira i clienti e su come puoi distinguerti dalla concorrenza.

Per aiutarti in questa analisi, utilizza il nostro modello di analisi della concorrenza (in inglese).

Competitor Analysis Template


Strategie di marketing per PMI su cui concentrare i tuoi sforzi

Una volta completata la prima parte della ricerca, puoi iniziare a perfezionare e sviluppare la tua strategia complessiva.

Realizzazione di una USP

La tua proposta di vendita personalizzata (USP o unique selling proposition) dovrebbe fornire agli acquirenti un motivo convincente per acquistare da te piuttosto che dalla concorrenza. Deve essere concisa, facile da capire e sottolineare esattamente le particolarità che contraddistinguono il tuo marchio.

L'USP verrà utilizzata in tutte le comunicazioni di marketing della tua piccola impresa, quindi deve enfatizzare i valori del tuo brand. Va evidenziato il modo o il motivo per il quale il tuo prodotto o servizio è superiore alla concorrenza: potrebbe essere una questione di qualità o di sostenibilità ambientale.

Ad esempio, il marchio statunitense di abbigliamento da sci OOSC è una piccola impresa ed è orgoglioso di produrre tutti i suoi capi di abbigliamento con materiali realizzati a partire da bottiglie di plastica riciclate. Per questo, la sua USP si concentra fortemente sulla sostenibilità. Sul loro sito web hanno una pagina dedicata all'argomento, insieme a un video su come vengono riutilizzate le bottiglie di plastica.

OOSC


Affidati ai risultati provenienti dall’analisi del tuo pubblico target di riferimento e della concorrenza. Le migliori USP sanno dimostrare in che modo un’azienda può risolvere un dato problema dei suoi clienti.

Un altro esempio pratico di una valida USP viene da Forge, un acceleratore di talenti didattico, iniziato come progetto gestito da studenti. Forge aiuta gli studenti statunitensi a trovare stage in aziende tecnologiche e la sua USP comunica in modo aperto a questa nicchia, con chiare call-to-action sulla propria home page.

Forge


La storia e i messaggi del tuo brand

La storia del tuo brand mira a creare sintonia con i potenziali acquirenti. Deve essere sufficientemente stimolante, persuasiva e memorabile da attirare l'attenzione dei clienti e imprimere il tuo brand nella loro memoria.

Al tempo stesso, il messaggio del brand rappresenta il sottofondo che detta il tono di ogni contenuto e messaggio che produci. Affinare il tuo messaggio è fondamentale per il digital marketing della tua piccola impresa, poiché fa sì che il modo in cui comunichi sia sempre coerente e in linea con il brand.

È possibile andare molto in profondità in questa fase, ma concentrarsi su queste quattro aree chiave ti aiuterà ad approfondire ciò che è più importante per la tua attività.

Formula una promessa sancita dal brand

Che cosa desideri che il ​​tuo brand rappresenti e su che cosa non scenderai mai a compromessi? Questa affermazione dovrebbe essere breve, idealmente non più di due frasi.

Crea una dichiarazione di posizionamento

Pensa a questo passaggio come a una presentazione lampo. Come descriveresti la tua attività in 30 secondi? Questa dichiarazione dovrebbe trasmettere rapidamente l’idea di ciò che vendi, chi è il tuo pubblico target e come ti posizioni nel tuo settore.

La missione del tuo brand

Arricchisci la scena con ulteriori dettagli di ciò che il tuo pubblico può aspettarsi dal tuo brand. Utilizzando la promessa del tuo brand e la dichiarazione di posizionamento come punto di partenza, qui puoi approfondire i principi fondamentali e gli obiettivi che intendi raggiungere.

Tono di voce

Sapere in che modo al tuo pubblico target piace comunicare ti aiuterà a stabilire le linee guida per il tono di voce che desideri trasmettere nei tuoi messaggi. Puoi usare un registro scherzoso nella comunicazione del tuo brand o devi assumere un tono più professionale?

Combina tutti questi elementi per creare la struttura dei messaggi del tuo brand.

Questi diventeranno i pilastri centrali del tuo piano di marketing per PMI, guidando le comunicazioni future e garantendo che i clienti sappiano chi sei e che cosa esattamente rappresenti.

Ad esempio, il rivenditore di mobili per bambini Nugget utilizza un tono di voce giocoso sulla sua home page: "In parte mobili, in parte giocattoli e in tutto e per tutto la più bella cosa che sia accaduta al gioco da sempre".

Nugget


Nugget riesce inoltre a trasmettere la missione del brand come "leader nel settore dei mobili per giocare" (con un'enfasi sul "gioco" ben presente nei suoi messaggi creativi).

Imposta il tono del tuo brand in base al tipo di personalità che desideri trasmettere. Ad esempio, Nugget ha scelto un tono leggero e amichevole in quanto in linea con la sua missione e il divertimento offerto dal suo prodotto. Il metodo migliore per capire che cosa avrà risonanza con i tuoi clienti è parlare con loro e chiedere loro che cosa preferiscono.

Una volta stabilito il tuo quadro di riferimento, inseriscilo in un documento PDF o in una serie di diapositive per guidare qualsiasi nuovo membro dello staff o collaboratore esterno sui tuoi messaggi e valori. Questo eliminerà il problema dei messaggi discordanti o poco chiari.


Stabilisci i tuoi obiettivi di digital marketing

Prima di iniziare qualsiasi tipo di campagna di digital marketing per la tua piccola impresa, è necessario stabilirne gli obiettivi.

Stabilire obiettivi di vendita che siano impegnativi ma anche raggiungibili ti motiverà e ti aiuterà a condurre la tua attività verso il successo a lungo termine. Pensa ai tuoi obiettivi di marketing come a un volante che guida il tuo marchio. Senza di esso, la tua strategia complessiva sembrerà priva di direzione.

Ecco una serie esemplificativa di obiettivi finali:

  • Aumentare la notorietà del brand

  • Attrarre nuovi clienti

  • Generare più vendite

Potresti avere anche ulteriori obiettivi che speri di realizzare. Il fatto di impostarli subito entro tempistiche adeguate gioverà ad orientare la tua strategia di digital marketing.

Uno dei modi migliori per stabilire gli obiettivi consiste nel seguire il quadro SMART (acronimo inglese che sta per Specifico, Misurabile, Raggiungibile, Realistico e Basato sul tempo).

Avere obiettivi specifici e misurabili ti aiuterà a concentrarti, ma devi assicurarti che siano anche realistici e raggiungibili.

Come ogni marketer deve ben sapere, il marketing - digitale e non - è una maratona, non uno sprint, e parte del processo consiste nell’adattarlo via via che impari di più sul tuo pubblico. Molto probabilmente dovrai apportare continue modifiche in corso d’opera, a seconda del rendimento dei tuoi canali di marketing.

Una volta impostati gli obiettivi, monitora i tuoi progressi con check-in mensili o trimestrali per rimanere al passo con quanto accade.


Canali di marketing che funzionano per le piccole imprese

Hai gettato le basi e perfezionato gli elementi della tua strategia di digital marketing per piccole imprese. Utilizzando ciò che hai imparato in merito al tuo pubblico e a dove i tuoi concorrenti si promuovono, ti consigliamo ora di determinare i canali più appropriati.

Concentra i tuoi sforzi solo su un paio di canali di marketing, anziché espanderti troppo nel tentativo di coprirli tutti.

Ecco alcuni suggerimenti di digital marketing a basso costo, perfetti per una PMI e capaci di donare grandi risultati:

Costruisci un sito web SEO e user-friendly

Il tuo sito web è un buon punto di partenza. È la tua vetrina virtuale e funge da guida per il tuo pubblico, invogliandolo ad acquistare.

Se stai realizzando il tuo sito web in autonomia, i costruttori di siti web drag-and-drop come Squarespace e Wix sono ottime opzioni che non richiedono alcuna conoscenza di programmazione.

Puoi rendere il tuo sito a prova di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO, ovvero Search Engine Optimization) includendo parole chiave pertinenti e seguendo le migliori pratiche. Ciò significa aggiungere parole chiave nel testo del sito web, nei titoli delle pagine e nelle meta descrizioni.

Presta attenzione alla gerarchia del sito e crea collegamenti alle pagine interne, perché i motori di ricerca danno priorità ai siti ben strutturati e inoltre tutto questo migliora la navigazione per gli utenti.

La SEO è un argomento vasto, ma ci sono passaggi fondamentali da eseguire per dare al tuo sito web le migliori possibilità di attrarre traffico organico dai motori di ricerca. Per cominciare, ottimizzare il tuo sito con parole chiave pertinenti e creare una gerarchia coerente aiuta i motori di ricerca a indicizzarlo e a decidere dove posizionarlo nelle pagine dei risultati.

In questa fase di creazione del sito web, potresti decidere di incorporare alcune funzionalità aggiuntive per automatizzare le attività di marketing. Ecco un paio di funzionalità intuitive che potresti prendere in considerazione:

Strumenti di chat automatizzati

La chat sul sito web è un ottimo modo per interagire con i tuoi visitatori e acquisire contatti. Se operi come azienda individuale, non è possibile gestire fisicamente una chat dal vivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, motivo per cui un software di lead generation è un investimento utile.

I Moduli Web e la Chat dal vivo ti aiutano ad acquisire e archiviare in modo sicuro i tuoi contatti, a rispondere alle domande degli utenti e a coinvolgere maggiormente i visitatori. Puoi anche personalizzare il modo in cui la chat risponde alle domande più frequenti.

Strumenti di pianificazione

Se gestisci un'attività che si basa sulla prenotazione di appuntamenti, chiamate o riunioni, uno strumento di pianificazione integrato potrebbe essere esattamente ciò di cui hai bisogno. Questi strumenti sincronizzano automaticamente i tuoi calendari e gestiscono anche le pianificazioni più complesse, consentendoti di risparmiare tempo prezioso.

Content marketing

Aggiungi un blog al tuo sito per mantenerlo aggiornato con contenuti di valore, accattivanti e pertinenti. I motori di ricerca preferiscono i siti che aggiornano regolarmente i loro contenuti, motivo per cui la SEO va di pari passo con il content marketing creativo in vista di attirare visitatori sul tuo sito web.

Imposta un calendario di digital marketing per aiutarti a pianificare i contenuti e strutturare le attività in modo più efficiente. Ti garantirà inoltre di rispettare le scadenze, raggiungere gli obiettivi e facilitare la collaborazione, in particolare se prevedi di esternalizzare la creazione di contenuti.

Alcune attività di content marketing possono essere facilmente automatizzate per accelerare i flussi di lavoro e ridurre l’errore umano. Ad esempio, gli strumenti di automazione del content marketing possono automatizzare le email in punti di attivazione specifici, come le iscrizioni alle newsletter, o programmare la pubblicazione di un post sul blog in un momento specifico.

La buona notizia è che i contenuti possono essere riproposti più volte su canali diversi. Se hai scritto un articolo per il tuo sito web o sei apparso su un podcast, alcuni frammenti di contenuto possono essere separati e utilizzati sulle piattaforme social.

Inizia in piccolo con un lavoro di content marketing alla tua portata e mantieni sempre un approccio realistico riguardo alla frequenza con cui sarai in grado di creare nuovi contenuti. Ad esempio, punta a un post sul blog al mese e un aggiornamento sui social media a settimana, se ti sembra fattibile. Puoi aumentare la frequenza via via che espandi la tua attività e il tuo sito consolida gradualmente la sua autorevolezza.

Social media

I social media sono uno strumento portentoso per i brand che desiderano aumentare la brand awareness e coinvolgere il proprio pubblico. Un sondaggio del 2021 ha rilevato che il 78% dei consumatori è più propenso ad acquistare da un brand con cui ha avuto un’esperienza positiva sui social media.

L’avvertenza a questo riguardo è quella di scegliere con cura le piattaforme su cui operare, poiché il pubblico varia notevolmente ed è ricettivo a diversi tipi di contenuti, a seconda del canale social su cui ci si trova.

Una ricerca ha rilevato che il 72% degli adulti statunitensi utilizza i social media. Per decidere dove concentrare i tuoi sforzi esplora i dati demografici più comuni tra gli utenti di ciascuna piattaforma e anche il modo in quest’ultima viene utilizzata. La tua strategia dovrà individuare quella che offre alla tua azienda le maggiori opportunità di essere notata dal tuo pubblico o quella più confacente al tipo di contenuto che sei in grado di creare.

Ad esempio, se ti rivolgi a un pubblico di persone di età compresa tra 50 e 64 anni, è più probabile incontrarli su Facebook piuttosto che su Instagram. LinkedIn attira un pubblico di professionisti, mentre su Instagram una delle principali tendenze che riguardano il pubblico della Gen-Z è la crescente aspettativa di fare acquisti direttamente attraverso il feed.

Marketing via email

Esistono molte ragioni per cui l’email marketing dovrebbe costituire una parte fondamentale del digital marketing per le piccole imprese. Si stima che il mercato globale della posta elettronica valga 12,4 miliardi di dollari e sia in crescita. Inoltre, garantisce il ritorno sull'investimento (ROI) più elevato di qualsiasi altro canale, raggiungendo, secondo uno studio, 36 USD per ogni dollaro speso.

L'email è un canale interamente di tua proprietà che puoi sfruttare per molteplici scopi, non solo per la vendita diretta. Se i social media scomparissero domani, ciò non avrebbe alcun impatto sulla tua lista di contatti email. Insomma, le tue campagne di e-mail marketing possono consentirti di raggiungere grandi risultati mantenendo un controllo che nessun social media può offrire.

Un buon sistema di gestione delle relazioni con i clienti (CRM) ti consente di organizzare e segmentare il tuo pubblico, in base alla fase in cui ciascun cliente si trova nel percorso di acquisto. Oltre a conservare i dati dei clienti in un unico posto in forma protetta, ti consente di gestire i percorsi dei clienti e scoprire informazioni utili sul pubblico.

Se stai muovendo i primi passi nel mondo dell'email marketing, non lasciarti scoraggiare. Esistono dei corsi gratuiti che possono aiutarti a padroneggiarne le basi e restare al passo con le migliori pratiche.


Monitorare le tue attività di digital marketing

Il monitoraggio delle prestazioni delle tue attività di digital marketing mediante analisi del sito e approfondimenti sui canali social è indispensabile per alimentare la tua strategia e aiutarti a scoprire che cosa funziona e che cosa no. Aggiorna regolarmente le informazioni che hai registrato, così da acquisire la sicurezza necessaria per correggere le tue azioni ogni volta che è necessario e raggiungere gli obiettivi di marketing senza perdere tempo ed energie.

Ogni canale di digital marketing consente diversi approfondimenti, e le piattaforme per la costruzione di siti web dispongono di analisi integrate. Ti consigliamo inoltre di collegare il tuo sito web a Google Analytics (GA) per fornire ulteriori informazioni sui dati e sui comportamenti dei visitatori una volta che arrivano sul tuo sito.

GA è gratuito e fornisce una vasta gamma di dati, tra cui:

  • Ripartizione dei dispositivi utilizzati (ad esempio dispositivi mobili, desktop ecc.)

  • Tempo medio trascorso sul sito e frequenza di rimbalzo

  • Dati demografici dei clienti come età, sesso e posizione

  • L’origine del tuo traffico: diretto, ricerca, a pagamento, email, segnalazione da siti di terze parti, social media ecc

  • I tuoi contenuti con le migliori prestazioni e il numero di visualizzazioni di pagina

  • Conversioni e valori medi dei prodotti per siti di e-commerce

GA è uno strumento di marketing digitale di vitale importanza per monitorare le prestazioni del tuo sito web e prendere decisioni basate sui dati.

Per i social media avrai una gamma diversa di metriche da monitorare, tra cui:

  • Impressioni (il numero di volte in cui i tuoi contenuti sono stati visualizzati)

  • Coinvolgimenti (metriche come Mi piace, condivisioni, menzioni, retweet, clic, nuovi follower e risposte)

  • Tasso di coinvolgimento complessivo

  • Visite alla pagina del tuo profilo

  • Entrate generate direttamente dai social media

I tuoi obiettivi sui social media saranno specifici per il tuo brand. Ad esempio, per alcuni brand una pagina sui social media è semplicemente un trampolino di lancio per il proprio sito web, mentre altri utilizzano i social media per creare una comunità online.

Google Search Console è un altro strumento gratuito che si integra facilmente con il tuo sito web e che ti permette di vedere quali pagine e parole chiave attirano traffico, così come preziose informazioni sulle prestazioni di ricerca. Inoltre, questo tool sviluppato dal gigante di Mountain View segnala eventuali problemi di sicurezza e offre dei rapporti sulla velocità del sito.

Dopo la configurazione iniziale, ci vorrà del tempo prima che ciascun canale prenda slancio ma dopo alcuni mesi avrai un'idea più chiara di quali canali stanno attirando i clienti giusti. Sarai in grado di scoprire quali generano vendite o lead e qual è il ROI di ciascuno. Da lì potrai apportare modifiche e miglioramenti continui per semplificare il ciclo di vita delle vendite e ottimizzare il percorso del cliente.


Conclusioni

Esiste una miriade di modi per pubblicizzare la tua piccola impresa online. Devi solo imparare a concentrarti sui canali adatti al tuo pubblico e al tuo brand. È del tutto possibile avviare la tua attività promozionale utilizzando i canali di digital marketing a basso costo che abbiamo trattato qui, anche se sei alle prime armi o il tuo team di marketing è composto da una sola persona.

Dedicare tempo alle ricerche di mercato e alla strategia di digital marketing della tua piccola impresa ti sarà utile in futuro, mentre perfezioni i tuoi piani di digital marketing online. Scoprirai che gran parte dei successi di marketing sono il frutto di tentativi ed errori, ma il monitoraggio dei dati analitici e delle prestazioni, condotto fin dall'inizio, ti darà la sicurezza necessaria per prendere decisioni basate sui dati via via che il tuo marchio cresce.

Ecco perché è importante affidarti a strumenti che possono supportarti nella tua attività quotidiana, rendendoti il compito più semplice e offrendoti dei dati solidi da cui partire per affinare la tua strategia. Pipedrive è un CRM facile da usare e ricco di funzionalità che ti consentono di automatizzare le tue attività di marketing (marketing automation), migliorare la comunicazione con i clienti e promuovere la tua piccola impresa nel modo più efficace.

Guidare la crescita aziendale